£1000£2730 (esente VAT)

Nonostante la partita IVA inglese (VAT) non sia obbligatoria per fatturati al di sotto di £85,000, molti imprenditori procedono ad una sottoscrizione volontaria per motivi di prestigio o convenienza (strategie commerciali internazionali).

Il supporto che V12 Management fornisce per la richiesta del numero della partita IVA inglese (VAT) e del versamento/riscossione della VAT ogni trimestre.

Cancella tutto
SKU: N/A Categoria:

ltd con conto online  Vuoi spendere il minimo del mercato per una Ltd inglese con conto online?

Acquista subito il nostro pacchetto risparmio Ltd !

ltd con contabilita  Hai una Ltd inglese e vuoi risparmiare il massimo sulla contabilità?

Dai subito un’occhiata alla nostra offerta contabilità Ltd !

ltd con hsbc e fiduciari  Vuoi una Ltd inglese senza il tuo nome e con un conto bancario di lusso HSBC?

Non puoi perdere la nostra offerta Ltd, HSBC e fiduciari !

quando la partita iva inglese (value added tax, vat) è necessaria per una ltd inglese e in che modo la si deve gestire?

Una Ltd inglese è tenuta a registrarsi come titolare di partita Iva inglese (Value Added Tax, VAT) e ad emettere sempre fatture con indicazione di VAT se:

  • supera il fatturato annuo di £85,000 di prodotti o servizi passibili di VAT
  • acquisisce beni di un valore complessivo annuale superiore a £85,000 da altri paese dell’Unione Europea
  • fornisce beni di un valore complessivo annuale superiore a £85,000 sotto gli accordi britannici sul distance selling (ad esempio aziende di e-commerce)

La registrazione VAT deve avvenire con la più breve delle seguenti scadenze:

  • entro 30 giorni dalla fine del mese in cui prodotti e servizi passibili di VAT hanno raggiunto la soglia di £85,000
  • entro 30 giorni dalla data in cui è diventato chiaro che i prodotti e servizi passibili di VAT eccederanno il limite annuale di £85,000

Gli obblighi che ricadono su una Ltd inglese con registrazione VAT sono:

  • tenere un libro delle transazioni VAT, detto VAT Account, che può essere anche sotto forma di software di contabilità e che raccoglierà tutte le fatture attive e passive rilevanti e riporterà un sommario della VAT per ogni periodo di calcolo (generalmente ogni mese o trimestre)
  • conservare le suddette informazioni riguardanti le transazioni VAT per 6 anni
  • consegnare elettronicamente al fisco inglese (HMRC) un formulario (chiamato VAT return) con i dati rilevanti alla fine di ogni periodo di calcolo della VAT. Questa operazione può essere fatta online nel sito del fisco oppure attraverso un software compatibile (possibilità quest’ultima che rientra nella politica Making Tax Digital, MTD)
  • emettere fattura con indicazione della VAT

Per quanto riguarda la struttura di una fattura con o senza VAT, lo spieghiamo in questo articolo.

Ricordiamo che la VAT deve essere inclusa nelle fatture a partire dalla data in cui l’azienda è diventata passibile di registrazione, non dalla data dell’avvenuta registrazione, e che i negozi per la vendita al dettaglio non hanno l’obbligo di fornire una fattura con conteggio VAT per ogni transazione, ma devono fornirla se il cliente la richiede.

Al momento ci sono tre percentuali di VAT applicabili: standard (20%), reduced (5%) e zero (0%). Inoltre ci sono prodotti e servizi che sono esenti dalla VAT o che sono fuori dal sistema VAT.

Listiamo qui a seguito i prodotti e servizi più comuni per percentuale VAT applicabile:

  • standard (20%): bevande alcoliche, biscotti ricoperti di cioccolato, acqua in bottiglia (inclusa acqua minerale, calendari e diari, bevande frizzanti, CD e DVD e video giochi, barrette di cereali, cioccolato, vestiti e calzature (non per bambini sotto i 14 anni), caramelle e dolciumi, spese di spedizione, prodotti elettrici, elettricità e gas e olio combustibile e combustibile solido per uso professionale, cibo e bevande fornite per l’uso in ristoranti o bar, cibo e bevande da asporto, gelato, succhi di frutta e altre bevande fredde, noci, servizi postali, patatine fritte, passeggini, benzina e diesel, tariffe di taxi, tariffe per passaggi in autostrada o tunnel o ponti da parte di aziende private, acqua per uso industriale.
  • reduced (5%): seggiolini da automobile per bambini, elettricità e gas e olio combustibile e combustibile solido per uso privato, materiali per il risparmio energetico installati permanentemente in edifici residenziali, pannolini di tutti i tipi, aiuti alla mobilità per anziani, prodotti sanitari, prodotti per smettere di fumare.
  • zero (0%): aeroplani per vendita o charter, caschi per bicicletta e motociclo, biscotti non ricoperti di cioccolato, libri e mappe e carte (ma non eBook), pane e prodotti paneari, brochure e volantini, servizi di costruzione edile per persone disabili, torte e merendine, cibo in scatola e surgelato (ma non gelato), cereali, piatti pronti freschi e surgelati, convenience food, abbigliamento e calzature per bambini sotto i 14 anni, costruzione e vendita di nuovi edifici residenziali, olio di cottura, beni donati e venduti in un negozio di carità, uova, equipaggiamento per persone disabili, frutta e verdura, animali vivi per consumo umano, carne, latte e burro e formaggio, giornali e settimanali, legumi crudi per consumo umano, medicine prescritte, scarpe e caschi di sicurezza industriali, costi di trasporto pubblico (autobus, treno e metropolitana), sale da cucina, panini freddi, lavori di fognatura residenziali e industriali, trasporto via mare (oltre le 15 tonnellate), the e caffè e cioccolato in polvere,  spese di trasporto in un veicolo o barca o aereo con non meno di 10 passeggeri, acqua per uso domestico.
  • esenti: antiquariato e opere d’arte e similari (quando venduti ad una istituzione pubblica), funerali e cremazione umana, terreni e edifici commerciali (vendita, leasing, affitto), eventi culturali organizzati da enti pubblici (musei, esibizioni d’arte, zoo), educazione, servizi finanziari (transazioni, prestiti, crediti, risparmi, depositi, azioni, titoli), assicurazione funeraria, scommesse, servizi sanitari (dottori, dentisti, ottici, farmacisti e altri), assicurazioni, trattamenti medici, membership, francobolli, attività sportive e fisiche, educazione, licenze TV.
  • fuori dal sistema VAT: beni e servizi venduti fuori dall’Unione Europea, beni e servizi forniti da un’azienda senza registrazione VAT, bolli e costi statali, tariffe per passaggi in autostrada o tunnel o ponti da parte di enti pubblici,donazioni ad enti no-profit.

Riguardo alle possibilità di rimborso della VAT dal fisco inglese (HMRC) su specifici costi della Ltd inglese:

  • non è possibile ottenere rimborso VAT su:
    • beni e servizi che la Ltd usa per fare beni o servizi in vendita che sono esenti dalla VAT
    • costi d’intrattenimento
    • beni o servizi acquistati in Europa fuori dal Regno Unito (il rimborso si fa in altro modo)
    • beni parte del trasferimento di un business as a going concern (TOGC), ovvero l’acquisto “in blocco” di una Ltd , con l’intenzione di continuare ad usare gli asset nella stessa maniera
  • è possibile ottenere rimborso VAT sulle spese di viaggio e permanenza degli impiegati in viaggi di lavoro. A questo proposito:
    • le seguenti persone rientrano nella definizione di impiegato:
      • salariati direttamente dalla Ltd (non attraverso agenzia)
      • direttori, manager e partner commerciali della Ltd
      • personale di supporto per gli eventi aziendali
    • le seguenti persone non rientrano nella definizione di impiegato:
      • azionisti non contrattati
      • ex-impiegati e pensionati
      • candidati ad un posto di lavoro nella Ltd non ancora contrattati

Esistono diversi meccanismi per la gestione VAT (VAT Accounting Schemes), offerti dal fisco inglese (HMRC) a seconda di determinati parametri:

  • Il Flat rate VAT accounting scheme
    • permette di semplificare i calcoli dei ritorni VAT, in quanto la VAT è calcolata come percentuale del fatturato annuo. L’unica voce distinta da questa regola generale è quella dei costi di valore superiore a £2,000 VAT inclusa
    • ha una percentuale di VAT che dipende da statistiche di settore della Ltd
    • è concesso dal fisco se inizialmente la Ltd ha fatturato annuo VAT inferiore a £150,000, e continua ad essere permesso se gli anni successivi il fatturato annuo VAT non supera £230,000
  • il Limited cost trader
    • riguarda le Ltd inglesi che usano il Flat rate VAT accounting scheme, ma che hanno costi di vendita totali inferiori al 2% del fatturato annuo o a £1,000 annui
    • ha una percentuale di VAT del 16.5% (superiore alla media per il Flat rate VAT accounting scheme)
  • il VAT cash accounting scheme
    • è particolarmente conveniente per i business che emettono fattura molto prima di ricevere l’effettivo pagamento dai clienti. In questo caso infatti la Ltd sarebbe tenuta a pagare la VAT al fisco inglese prima di ricevere pagamento, in quanto la data che fa fede per i ritorni VAT (la cosiddetta Tax Point Date) è la data di emissione della fattura.
    • considera come riferimento per i ritorni VAT le date degli effettivi pagamenti di spese e guadagni
    • è concesso dal fisco se inizialmente la Ltd ha fatturato annuo VAT inferiore a 1.35 milioni di sterline, e continua ad essere permesso se gli anni successivi il fatturato annuo VAT non supera 1.6 milioni di sterline
  • l’Annual accounting scheme
    • permette di pagare la VAT in anticipo rispetto ai calcoli, che vengono consegnati al fisco una volta l’anno. La cadenza dei pagamenti può essere ogni 3 o 9 mesi.
    • è concesso dal fisco se inizialmente la Ltd ha fatturato annuo VAT inferiore a 1.35 milioni di sterline, e continua ad essere permesso se gli anni successivi il fatturato annuo VAT non supera 1.6 milioni di sterline
    • è cumulabile con Il Flat rate VAT accounting scheme ed il VAT cash accounting scheme
  • Retail and VAT margin schemes
    • sono numerosi (non entriamo in dettaglio) e sono concessi dal fisco se la Ltd ha fatturato annuo VAT inferiore ad 1 milione di sterline, tra 1 milione e 130 milioni, o superiore
    • ci sono specifici VAT margin schemes per Ltd che commerciano in beni di seconda mano, arte o similari, o con attività di tour operators
    • è cumulabile con il VAT cash accounting scheme e l’Annual accounting scheme
  • il Reverse charge VAT scheme
    • sarà disponibile a partire dal 01/10/2020 per le Ltd del settore di costruzione edile
    • responsabilizza il cliente, invece del fornitore, dei servizi di manovalanza per i ritorni della VAT sulle ore di lavoro
    • servirà per eliminare la comune frode detta del “missing trader” in cui una impresa fraudolenta di manovalanza edile riceve VAT sulle proprie vendite ad una Ltd inglese, poi sparisce dal paese (come “missing trader” nei confronti del fisco), portandosi via l’ammontare della VAT

I nostri articoli più letti

  1. Direttori e azionisti di una Ltd inglese: possibilità e requisiti
  2. Aprire un conto business per Ltd inglese: domande frequenti
  3. Gli obblighi fiscali e burocratici di una Ltd inglese (corso di contabilità)
  4. Aprire Ltd inglese online: i requisiti
  5. Fiscalità per direttori e azionisti di Ltd inglese con residenza fiscale britannica o italiana
  6. Risoluzioni, operazioni di modifica societaria e certificati di una Ltd inglese
  7. Aprire una ltd inglese con l’assoluta certezza di fare la cosa giusta !

Informazioni aggiuntive

numero annuale fatture attive e passive

, ,

fatture con VIES, EORI o EC Sales list

,

necessità indirizzo operativo VAT

con indirizzo operativo VAT, senza indirizzo operativo VAT